Surya Yoga

Da OmraamWiki.
«Perché al mattino guardiamo il sole sorgere? Perché ci concentriamo su di lui? Per imparare a mobilitare tutti i nostri pensieri, tutti i nostri desideri e tutte le nostre energie, e ad orientarle per la realizzazione del più alto ideale. Chi lavora per unificare la moltitudine delle forze caotiche che lo trascinano in tutti i sensi, al fine di lanciarsi in un'unica direzione, luminosa e salutare, diventa un focolaio di luce talmente potente che la sua presenza – come il sole – è in grado di irradiare attraverso lo spazio. Quando costui è riuscito a dominare le tendenze della sua natura inferiore, estende i suoi benefici all'intera umanità e diventa egli stesso un sole. Vive allora in una tale libertà che allarga all'infinito il campo della propria coscienza, e tutti beneficiano della sovrabbondanza di luce e di amore che emanano da lui».[1]

Considerazioni introduttive

Il Surya Yoga – o Meditazione al sorgere del sole – è una pratica suggerita da Omraam Mikhaël Aïvanhov, e consiste nel meditare davanti al sole nascente, contemplare la sua luce e identificarsi in esso.

L’Insegnamento di Omraam M. A. può essere considerato a tutti gli effetti un Insegnamento solare, proprio per l’importanza e il ruolo svolto dal sole:

«Tutta la natura può aiutarci a unirci alla Sorgente, ma il mezzo più potente, più efficace è il sole. Il sole è il simbolo di quel fiume vivente che scorre e scende per vivificare, dissetare tutto l'universo, simbolo di Dio stesso; il sole può aiutarci nel modo migliore a trovare il cammino verso il Creatore, a vibrare come Lui, a diventare il tralcio unito alla vite. Il sole è il ceppo: unendoci a lui, diventeremo i tralci e avremo così la vita eterna».[2]

Secondo Aïvanhov, attraverso la meditazione al sorgere del sole l’essere umano può ricollegarsi alla Sorgente, al Divino. Aïvanhov spiega che questa pratica può essere considerata una condensazione e una sintesi di tutti i diversi tipi di yoga praticati da secoli in Oriente:

«Ora vorrei parlarvi di uno yoga che supera tutti gli altri: lo yoga del sole. Era praticato in passato da numerosi popoli, ma ai giorni nostri lo si è abbandonato, soprattutto in Occidente. Poiché in sanscrito la traduzione di “sole” è “Surya”, l'ho chiamato “Surya-yoga”. È il mio yoga preferito, in quanto riunisce e riassumesse tutti gli altri. Sì, perché non si dovrebbero riunire tutti gli yoga in uno solo? Per chiarire le idee, si può affermare che è un insieme di esercizi spirituali che si possono praticare assistendo al mattino al sorgere del sole. Il periodo più favorevole per la pratica di questi esercizi è compreso tra l'inizio della primavera e la fine dell'estate».[3]
«Nel Surya-yoga sono comprese tutte le qualità degli altri yoga: l'adorazione, la saggezza, la potenza, la purezza, l'attività, la devozione e la Luce, come pure il fuoco sacro dell'amore divino. Ecco perché è importante che siate consapevoli di tutte le benedizioni che potrete riceverete assistendo al mattino al sorgere del sole. Praticando il Surya-yoga vi unite alla potenza che dirige e anima tutti pianeti del sistema solare: il sole. Da questa pratica otterrete immancabilmente dei risultati. Ecco perché posso dirvi che quegli yoga che erano considerati magnifici nel passato, e lo sono tuttora, cederanno il posto al Surya-yoga che li supera tutti, perché tramite il sole si lavora con Dio stesso. Vi dirò anche che tutto ciò che nessuno ha mai potuto insegnarmi me lo ha rivelato il sole, perché nessun libro può darvi ciò che vi donerà il sole, se imparerete ad avere con lui un rapporto corretto».[4]

L’efficacia di questa meditazione risiede in diversi aspetti: anzitutto perché si medita guardando e contemplando il sole (ma solo per pochi istanti, nei primi minuti da quando è visibile all’orizzonte: poi è bene chiudere gli occhi e continuare la meditazione a occhi chiusi), da cui riceviamo delle “particelle”, degli elementi energetici molto puri; al mattino, il prana, che proviene dal sole, sarebbe infatti presente nell’atmosfera in misura molto maggiore. Il prana assorbito in questo momento della giornata ha una grande capacità rigenerativa per tutto il sistema energetico dell’organismo umano. Inoltre, essendo il sole il centro del nostro sistema solare, rappresenta metaforicamente il Centro, l’Unità, intorno al quale tutto ruota; è quindi la migliore manifestazione del Principio divino che abbiamo sulla Terra, un modello di perfezione, da seguire e imitare.

Avvicinandoci ogni giorno al sole, amandolo e contemplandolo, nutriamo in noi la nostra Natura divina, fino al giorno in cui potremo manifestarla in pienezza. Per poter svolgere al meglio questa meditazione, Omraam M. A, spiega come assorbire le particelle energetiche del sole:

«Ora vi dirò come fare per assorbire quelle particelle eteriche che il sole emana al mattino. È molto semplice e non vale neppure la pena di sapere quali sono gli elementi che ristabiliscono la vostra salute: infatti questo non ha alcuna importanza. Sforzatevi soltanto di salire col pensiero fino ai mondi più sottili; lassù vi esponete e attendete... Intanto la vostra anima e il vostro spirito, che sono dei chimici e dei medici molto competenti, che conoscono esattamente la natura di tutte le sostanze eteriche, capteranno ciò che per voi è necessario, lasciando da parte il resto. Non fate altro che aspettare nell'amore, nell'umiltà, nella gioia, nella fiducia... Al vostro ritorno sentirete che qualcosa in voi si è ristabilito, calmato e rafforzato».[5]
«Ecco uno degli esercizi più utili che potete fare al levar del sole: col vostro pensiero con la vostra immaginazione cercate di afferrare quelle particelle divine per introdurle in voi… è così che un po' alla volta, rigenererete completamente la materia del vostro corpo e grazie al sole, a opera completata, sarete in grado di pensare e di agire come un figlio di Dio».[6]
«Per esempio, potete abituarvi a fare il seguente esercizio: siete al levar del sole e attendete che appaia il primo raggio; vigili e attenti, appena spunta il primo raggio lo bevete, lo aspirate... In quel modo cominciate a bere il sole. Invece di limitarmi a guardarlo lo bevete, lo mangiate, pensando che quella luce vivificante si propaghi in tutte le cellule del nostro organismo, che le rinforzi, le vivifichi e le purifichi. Questo esercizio vi aiuterà a concentrarvi e i risultati saranno notevoli: tutto il vostro essere fremerà e riuscirete a sentire che vi state veramente nutrendo di Luce».[7]

Aïvanhov ha dato numerosissimi temi di meditazione e metodi da praticare durante lo Surya Yoga, riguardanti in particolare l’aspetto simbolico ed energetico del sole. Per tale motivo lo Surya-Yoga può essere considerato non soltanto come una pratica di meditazione, ma anche una filosofia e un metodo pedagogico.

La pratica della meditazione al sorgere del Sole in altre tradizioni

Bibliografia

Opere e/o Conferenze di Omraam Mikhaël Aïvanhov sul soggetto trattato

  • Aïvanhov, O. M., La luce spirito vivente, Prosveta, 2009, pag. 11.

Monografie o Articoli sul soggetto trattato, in rapporto all'insegnamento di Omraam Mikhaël Aïvanhov

  • Centro Studi Omraam Mikhaël Aïvanhov (2016), La Meditazione nell’Insegnamento di Omraam Mikhaël Aïvanhov, in "Misli", pp. 128 e ss.

Multimedia (immagini, audio, video)

Estratti di Conferenze di Omraam Mikhaël Aïvanhov (audio e/o video)


Conferenze di Omraam Mikhaël Aïvanhov (audio e/o video) pubblicate

Note

  1. Aïvanhov, O. M., Pensieri quotidiani 2017 (21 giugno), Prosveta, 2016.
  2. Aïvanhov, O. M., Voi siete Dei, Prosveta, 2001, pag. 457.
  3. Aïvanhov, O. M., Verso una civiltà solare, Prosveta, 1994, pag. 27.
  4. Aïvanhov, O. M., Verso una civiltà solare, Prosveta, 1994, pag. 29.
  5. Aïvanhov, O. M., Verso una civiltà solare, Prosveta, 1994, pag. 68.
  6. Aïvanhov, O. M., Verso una civiltà solare, Prosveta, 1994, pag. 72.
  7. Aïvanhov, O. M., La luce spirito vivente, Prosveta, 2009, pag. 30.

Voci correlate

Collegamenti esterni



Avvertenza per il lettore: la stesura di questa voce, provvisoria ed esemplificativa, è solo un punto di partenza, giacché l'argomento è esaminato da Omraam Mikhaël Aïvanhov nell’ambito di migliaia di conferenze da lui tenute tra il 1938 e il 1985. Il ricercatore troverà importanti aspetti di ulteriore interesse leggendo o ascoltando direttamente le sue conferenze, edite dalla Casa editrice Prosveta, unica ed esclusiva titolare dei diritti sulla sua Opera. Pertanto, questa voce non esprime in modo completo ed esaustivo il pensiero di Aïvanhov sull'argomento.


OmraamWiki è un progetto internazionale realizzato con il contributo dei fondi della Ricerca scientifica dell’Università per Stranieri di Perugia (Dipartimento di Scienze Umane e Sociali)